Cvx e Missionari Scalabriniani: Giovani per un’Europa solidale

di SIMONE GARBERO

Un’estate ai confini per i giovani. Settimane di servizio e formazione tra i migranti: più di dieci settimane di campi tra Cvx europea e Missionari Scalabriniani

Hanno trovato un’intersezione le tradizionali proposte di campi estivi sulle migrazioni proposte dai missionari scalabriniani tramite l’Agenzia Scalabriniana per la Cooperazione allo Sviluppo (Ascs) e le settimane organizzate da varie Cvx nel progetto At the frontiers delle Cvx europee.

A inizio settembre si incontreranno al confine italo-francese di Oulx-Clavière-Bardonecchia giovani italiani ed europei per sperimentare le contraddizioni del confine e di chi tenta di superarlo. La proposta comune nasce dalla rete che si è costruita nel Centro San Carlo di Chieri, dove da pochi mesi Ascs ha aperto un a sede operativa, ospite del centro della Compagnia di Gesù gestito dalla Cvx locale.

Il campo valsusino concluderà un’estate intensa di proposte sulle migrazioni organizzate da entrambe le componenti in luoghi diversi

Il progetto Atf – At the frontiers è promosso dal coordinamento europeo delle Cvx che propone campi di servizio in centri di accoglienza, organizzati da comunità locali impegnate in questo tipo di servizio. L’intento è quello di coinvolgere giovani provenienti da vari Paesi europei per favorire lo scambio e l’arricchimento internazionale.

Sono 5 le settimane proposte: a Trento dal 10 al 17 luglio, a Torino dal 16 al 31 luglio, due turni a Palermo dal 18 al 27 luglio e dal 27 al 6 agosto e la proposta condivisa con gli scalabriniani a Oulx- Briancon dal 4 al 10 settembre (maggiori informazioni sulla pagina Facebook @atthefrontiers o all’email europeanmigrationscoreteam@gmail.com).

Molto simile il contenuto della proposta quasi omonima dell’Ascs con i campi Attraverso22: formazione, condivisione e servizio tra i migranti

Le settimane ampliano il quadro dei contesti significativi per le migrazioni nel nostro Paese. Si inizierà a Trieste, porta d’ingresso dalla rotta balcanica dal 16 al 23 luglio, a seguire un campo itinerante nell’Agro Pontino tra Terracina, Pontinia e Latina, terre di agricoltura e sfruttamento dei lavoratori stranieri dal 23 al 30 luglio.

Nello stesso periodo ci saranno due turni dello storico campo “Io ci sto” nel foggiano, a contatto con uno dei più grandi insediamenti informali italiani, popolato di braccianti spesso sfruttati dal caporalato: le settimane saranno dal 23 al 30 luglio e dal 30 al 6 agosto.

Campi estivi sulle migrazioni confine Italia Francia a Ventimiglia

“Attraverso Ventimiglia” sarà invece dal 20 al 27 agosto sul confine tra Italia e Francia, terra di sentieri tra le montagne e respingimenti, mentre negli stessi giorni, a Cuneo i giovani andranno a conoscere un altro contesto di lavoro agricolo e sfruttamento.

A Cosenza invece, dal 28 agosto al 4 settembre in collaborazione con la fondazione Migrantes ci sarà un’esperienza di condivisione incentrata sulle “seconde generazioni”: i protagonisti saranno i ragazzi italiani con alle spalle famiglie dai quattro angoli del pianeta. Infine, ovviamente, “Attraverso Oulx-Briancon” dal 4 al 10 settembre, all’interno della rete ATF.

Tutte le informazioni sul sito ascs.it/attraverso22 o e-mail piùpontimenomuri@ascs.it

Attraverso 2022

(Visualizzato 110 volte, 1 oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.