Mafia (da Gentes, 02/2006)

mafia | cvxlms.itMafia: “La vera rivoluzione è applicare le regole, non sovvertirle”

Con la frase decisamente controcorrente che abbiamo riportato nel titolo dell’introduzione al presente Studio sulla Mafia, il magistrato Gaetano Paci ha concluso il suo intervento al convegno della Lega Missionaria Studenti tenutosi a Palermo nel novembre 2005, sul tema della memoria, della profezia e della liberazione.
Il punto di partenza sta nell’amara constatazione che, nel nostro Paese, la democrazia è un processo non ancora compiuto, perché le regole del diritto non sono pienamente applicate e non vi è un’abitudine generalizzata a ragionare in termini di rispetto delle regole.

Liberarsi dalla mafia

Se si parla di liberazione, quindi, l’unico profilo di una possibile liberazione della Sicilia, e non solo, è quella della liberazione dalla mafia. Mafia: una parola che al solo sentirla fa venire i brividi o può lasciare nel totale disinteresse o ancora essere un collegamento superficiale e ignorante a una delle isole più belle dell’Italia. Il magistrato ha posto all’assemblea un interrogativo semplice, ma pertinente: essendo un fenomeno di cui si occupano i giudici, le forze dell’ordine, io cittadino cosa c’entro? Presto detto: la mafia è una subcultura ed è un’organizzazione criminale, ecco perché l’ordinamento giudiziario se ne occupa.

Ma la mafia non si esaurisce in questo settore. La mafia è una terribile macchina di morte e si concretizza in un sistema di gestione del potere, per cui ciò che dovrebbe essere disciplinato dalle regole, dalla Costituzione (che stabilisce le regole fondamentali di un ordinamento, cioè di una comunità), viene regolato dai mafiosi. Un’efficace lotta alla mafia si muove, quindi, su due direzioni in cui tutti i cittadini sono impegnati.

Scarica questo numero

Sommario

EDITORIALE
Notizie, non gossip, Federazione della stampa Missionari italiana

STUDIO
Introduzione allo studio del fenomeno mafioso
“Cosa Nostra è come una rosa rossa, è bella, molto bella, ma se la prendi ti punge”
L’associazione di tipo mafioso nella giurisprudenza italiana
A cura di Laura Coltrinari

VITA LEGA
Lettera al presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi, Lega Missionaria Studenti
Progetto Speranza 2006: presentazione campi estivi di solidarietà

(Visualizzato 68 volte, 1 oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *