Immigrazione e Cpt, quale liberazione? (Gentes 01/2006)

immigrazione | cvxlms.it“Il Dossier Caritas sull’immigrazione,
uno strumento imprescindibile”

In Europa contiamo attualmente 24 milioni di immigrati*: nel 62% dei casi sono europei, ma ci sono anche africani, asiatici e americani. In Italia, invece, abbiamo 2.786.340 immigrati soggiornanti, secondo una stima che cerca di tenere conto anche delle quote di irregolari e clandestini. Ci tengo a sottolineare che si tratta di stime, che quelle del dossier sono prettamente delle stime.
Quest’anno, peraltro, non sono stati messi a disposizione i dati del Ministero degli Interni, per cui il Dossier Statistico ha messo assieme i permessi del 2003 e i dati minori residenti, ottenendo la cifra di 2,6 milioni, poi ha aggiunto i nuovi ingressi e i nuovi nati, raggiungendo la cifra di 2,8.

L’immigrazione in Italia

Si tratta di un dato importante, perché non possiamo più dire quello che dicevamo una volta, ovvero che gli immigrati in Italia sono pochi. Certo, non possiamo nemmeno dire che sono molti, perché comunque i 2,8 milioni di immigrati significano un’incidenza sulla popolazione generale del 4,8% (cioè ogni cento italiani, 4,8 sono stranieri). Considerando in campo europeo i Paesi che hanno una grande tradizione nel campo dell’immigrazione e una storia più vecchia della nostra, arriviamo a quote del 7,8-10% e a volte anche più. Possiamo comunque dire che sicuramente da noi il fenomeno dell’immigrazione è un fenomeno con cui dobbiamo abituarci a convivere, essendo per fortuna diventato un fatto strutturale, stabile e non provvisorio. Un fenomeno che dobbiamo cercare di governare il meglio possibile.

Se noi valutiamo anche questo indice di strutturalità, i nuovi ingressi sono stati 131.525; nell’oltre il 90% dei casi i motivi dell’ingresso sono famiglia e lavoro: questo significa che vengono qui non certo per delinquere o per rubare o per fare chissà che cosa, ma per lavorare. Portano inoltre con loro le famiglie, e quando si chiude il percorso familiare significa che queste persone vengono qui da noi per stabilirvisi.

[*Dati riportati in una relazione del 2006 – qui Dossier Caritas Immigrazione aggiornato]

Scarica questo numero

Sommario

EDITORIALE
Saverio, di p. Massimo Nevola

STUDIO
Immigrazione e Cpt, quale liberazione?, di Angelo Tomassetti e Valeria Mussiè

  • L’intervento di don Mario Affronti
  • L’intervento dell’onorevole Gian Nicola Sinisi
  • La vergogna dei Cpt e l’inutilità irrinunciabile della protesta

VITA LEGA
Verbale della segreteria nazionale del 17/12/2005, di Pasquale Salvio

(Visualizzato 98 volte, 1 oggi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.