17 Luglio 2024
ConvegnoCristiani nel mondoDalle Comunità localiFocus

Verso il convegno nazionale di Palermo 2024: fra bellezza e contraddizioni

DI ALESSANDRA PERRICONE

Qualche giorno fa ho preso il trenino per l’aeroporto, avevo un viaggio di lavoro.
Mentre i binari seguivano la costa per raggiungere la punta più avanzata dell’isola, prima della grande curva che conduce al suo estremo Nord-Ovest, mi sono ritrovata a pensare a chi di noi prossimi partecipanti al Convegno nazionale delle Cvx in programma a Palermo, dal 25 al 28 aprile 2024, avrebbe fatto presto lo stesso percorso, solo in senso inverso.

Isola delle Femmine, Capaci, Carini…

Le fermate, una volta lasciata Palermo alle spalle, si susseguivano – Isola delle Femmine, Capaci, Carini – e intanto io andavo con la mente a volti familiari delle comunità di altre regioni affidando all’immaginazione quelli di chi ancora non conosco.

Palermo vista Monte Pellegrino
Palermo, vista dal Monte Pellegrino – fonte: Wikipedia

Chissà cosa penseranno, mi chiedevo, di fronte a questo nostro orizzonte di mare troppo spesso nascosto dalla speculazione edilizia, o agli alberi di mandarini che ogni tanto si ostinano a crescere tra le case che quella speculazione ha imbruttito, ma dove abitano ancora la speranza e la pazienza di agricoltori per nascita, o anche alle colline in parte mangiate dal fuoco estivo benché sempre guide accoglienti verso il litorale.

Campagna di ulivi a Palermo

Un dolore muto e profondo…

In particolare, alla stazione di Capaci, ho provato a vestire i panni di un non-siciliano e un elenco di parole terribili si è subito srotolato nella mia testa: mafia, tritolo, morte… sì insomma, STRAGE. Parole che qui evocano probabilmente ancora l’antico e paradossale connubio di sdegno e rassegnazione ma che soprattutto richiamano un dolore muto e profondo che è parte del nostro Dna come il mare, i mandarini, le colline.

Palermo albero di limoni

La bellezza, da noi, ha un’impronta tragica che ci accomuna a tante popolazioni di frontiera a Nord o a Sud del mondo e delle nostre città, abitanti di quelle periferie di cui parla Papa Francesco, restituendone il ruolo e l’autentico significato anzitutto a quanti ci vivono, ma anche a chi sente in sé il desiderio di accostarsi a contrasti a volte poco riconoscibili che potrebbero però avere qualcosa da dire alla società occidentale.

Palermo, nello specifico, è città particolarmente contraddittoria, con il suo centro storico tra i più estesi d’Italia, i monumenti che ne testimoniano le svariate occupazioni più o meno virtuose, il buon cibo, il clima mite, gli eroi civili e religiosi… insieme però alla sporcizia e a una scarsa qualità di vita.

A Palermo e alla Sicilia si pensa spesso come a un luogo di delinquenza e disordine, di ignoranza e povertà culturale oltre che economica, e, facendolo, non si è lontani dal vero. Tuttavia, questa sarebbe una visione parziale se nello stesso quadro non si inserissero la cultura, l’eleganza, l’ironia che ne caratterizzano la storia. Si può dire dunque che il viaggiatore, in questo caso membro della Cvx italiana, troverà qui luci e ombre che necessariamente rimandano al senso della responsabilità individuale e dell’agire comune.

E anche solo poter condividere questa spinta etica, che nel nostro caso diventa vocazione alla sequela di Cristo, è per noi della Comunità di Palermo motivo di grande gioia, di consolazione, e di incoraggiamento a testimoniare, come diceva p. Pino Puglisi, che un altro mondo è possibile.
Vi aspettiamo!

Visited 2 times, 1 visit(s) today

3 pensieri riguardo “Verso il convegno nazionale di Palermo 2024: fra bellezza e contraddizioni

  • Loretta Conte

    Sono stata alcune volte in Sicilia:Ho visitato Messina,Taorminia,Catania Palermo,Cefalù.Sono luoghi molto belli e quello che trovato molto bello è stato l’accoglienza e il calore dei siciliani!Sono stata accolta molto bene e l’ultima volta quando ho preso il treno da Cefalù per Napoli sono stata aiutata dal capotreno ad attraversare il binario e a mettere la valigia sul treno.La traversata del golfoè stata meravigliosa e quando il treno è sceso dal traghetto due persone hanno saluto la Sicilia dicendo Arrivederci Italia prossima capitale della cultura,bellezza sia natura che artistica e gastronomia perché si mangia bene e il cibo è molto gustoso.Ho un gran desiderio di venire ancora una volta ma ho un problema familiare alla fine di Aprile per un intervento chirurgico di mia figlia.Vorrei chiedervi una preghiera per la sua salute.Non è niente di grave ma si deve operare e non mi posso muovere.Sara’per un’altra occasione.Dai per me un gran bacio 💋 alla bellissima Sicilia e Auguri a tutti per il prossimo Convegno.Preghero’per voi tutti e grazie delle belle immagini Un caro saluto da Loretta Conte

    Rispondi
    • Loretta Conte

      Un caro saluto a tutti e in particolare agli organizzatori al presidente Romolo Guasco e alla vice presidente Annabella Marcello,ai padri gesuiti assistenti spirituali delle comunità regionali e locali.Tutti insieme cammineremo in Cristo per una vita migliore da donare alle nuove generazioni

      Rispondi
  • Non vedo l’ora di rivedere Palermo, città dei miei nonni materni, della quale ho conosciuto le contraddizioni e la Bellezza, che va cercata tra le ingiurie del passato e del presente. E, quando la si trova, l’emozione è forte perché qui tutto è estremo, impossibile da comprendere fino in fondo ed è per questo che continui a tornare, tra la rabbia e la nostalgia. A presto

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *